Per la salute, fisica e mentale, non basta il solo movimento. E certamente lo sappiamo noi donne che il movimento, da solo, non basta a mantenerci in salute! Molte di noi vengono da anni di movimenti scorretti e sbagliati, dalla postura, forzatamente sbagliata, che teniamo o abbiamo tenuto per lavare i piatti, ai tutti i lavori di casa fatti in posizioni innaturali che obbligano schiena e collo a posizioni non naturali. Bastasse il movimento, potremmo pensare, saremmo già in salute! Possiamo ovviamente eliminare alcuni problemi dalla nostra vita: un gocciolatoio per i piatti sul piano del lavello, invece di uno scomodo pensile, potrebbe alleviare, e non di poco, una serie di movimenti innaturali e dannosi per schiena, collo e spalle. Movimenti più leggeri e che apparentemente non creano difficoltà sono quelli che eseguiamo, ad esempio, cucendo, lavorando ai ferri, lavorando all’uncinetto, poiché costringono il collo a stare piegato. Chi ama questo tipo di attività, dovrebbe ricordarsi di non lasciarsi immergere completamente nella magia della creazione: almeno una volta all’ora, appoggiamo il lavoro, stiriamo la schiena, manteniamo il collo in posizione corretta per alcuni minuti. Con l’abitudine, scopriremo che anche ul nostro lavoro ne guadagna, poiché verranno eliminate quelle piccole differenze nella tensione del filo che inevitabilmente un corpo affaticato inserisce suo malgrado, indipendentemente dalla nostra abilità. Per chi ma questo tipo di lavori, la soddisfazione che volta per volta ci appaga quando finiamo di eseguire un lavoro, compensa abbondantemente la fatica. Non solo: eseguendo lavori personali, terremo la mente occupata in qualcosa che è solo nostro, che ci permette allo stesso tempo di dare libero sfogo alla nostra creatività in una attività che possiamo gestire in modo totalmente autonomo. Per chi è appassionata di ferri o di uncinetto, sono moltissime anche le risorse online. possiamo trovare gruppi Facebook dedicati e, con un minimo di fatica, potremo utilizzare anche i numerosissimi schemi gratuiti che si trovano online, anche quando non sono scritti in Italiano. Per chi ama l’appartenenza ad un gruppo, un modo davvero speciale di lavorare ai ferri o all’uncinetto è quello di partecipare ad uno dei numerosissimi KAL (per chi ama la maglia) o CAL (per chi invece ama l’uncinetto). Questi eventi, dalla durata variabile, permettono di eseguire un lavoro, che sia un copriletto o una borsa, passo per passo. Le istruzioni, solitamente gratuite, vengono quasi sempre rilasciate a cadenza settimanale e sono numerosi i gruppi, anche su Facebook, dedicati ai diversi CAL o KAL. CAL è infatti l’acronimo di Crochet A Long, letteralmente Lavoro all’uncinetto a Lungo, mentre KAL è l’acronimo di Knitting A Long, letteralmente Lavoro ai Ferri a Lungo. Se siete a corto di idee o se cercate un modo per scoprire nuovi segreti della lavorazione ai ferri o all’uncinetto, uno dei tanti CAL o KAL è giusto quello che fa per voi: nessuna scadenza imposta, i progetti una volta messi a disposizione restano online. potrete decidere quando partire, quanto impiegare, potrete anche decidere di attendere, prima di iniziare un progetto, che tutte le varie parti siano disponibili online per sapere prima se il progetto finito è quello che fa per voi. Anche per chi non conosce l’Inglese, sarà semplice inserirsi e partecipare: basta scaricare online la legenda dei punti in Italiano ed Inglese, e potremo cominciare in fretta a lavorare.