Sara-Immaginaria.jpg Mi chiamo Sara Immaginaria e ho 75 anni. Ho sempre amato leggere e guardare film, ma le mie più grandi passioni sono il teatro ed i viaggi. Sono sempre stata esibizionista e amante di moda, ma la mia vita, è stata un'avventura proprio per questo. Dopo la scuola, ho lavorato in una scuola di equitazione, ma quando avevo 20 anni avevo iniziato a lavorare nella sezione cappotti di un grande magazzino di Milano. Un giorno, alcuni modelli sono scesi da Londra a fare uno spettacolo, un corto. In quel periodo, mi notarono e mi chiesero di intervenire. Avevo fatto un servizio fotografico per un fotografo locale prima, ma non ero mai stata in una sfilata di moda. Gli altri modelli mi hanno detto che dovevo provare a ottenere più lavoro come modella magari trasferendomi a Londra, e con mia mamma dalla mia parte, ho pensato che fosse una grande idea. Così sono andata a fare la formazione di tre settimane - tutti hanno fatto la formazione di modelle allora. Ho iniziato come freelance dopo circa 18 mesi, e l'ho fatto abbastanza bene. Ho iniziato a ballare e ad imparare recitazione. Ho imparato il balletto, la danza latino-americana moderna. Subito sono stata ingaggiata anche in alcuni balletti di spettacoli televisivi, e ho avuto modo di viaggiare in diverse parti del mondo. Durante questo periodo ho incontrato mio marito, Giacomo. Abbiamo avuto tre figli. Non pensavo che avrei lavorato dopo, perché in quei giorni pensavo che la mia vita dovesse oramai svolgersi tra le quattro mura della mia famiglia. Ho iniziato a fare alcuni extra anche perché mio marito non guadagnava molto. Era un studio manager e un direttore di un'azienda di Milano. Alla fine ho ricominciato con gli spettacoli e la moda: ho fatto circa 400 rappresentazioni teatrali, ho lavorato occasionalmente come modella, ma negli anni '60 e '70 non volevano proprio più il mio sguardo, volevano le donne più maliziose. Quando avevo 69 anni, mio marito è morto, e circa un anno dopo, il mio agente ha richiamato e mi ha chiesto di camminare in una settimana alla sfilata di moda a Londra per Red or Dead indossando i suoi abiti. Sono stato molto sorpresa, ma ho preso la palla al balzo e sono andata lì. E' stato molto divertente. Gli altri modelli sono stati affascinati da me ed è stata una bella avventura per me reinventarmi alla mia età. Poi però, sono tornata nella mia Milano ed ho ripresola mia vita di madre e di nonna. Ogni tanto presidio le sfilate, mi piace tenermi in forma e farmi notare ma la mia vita è irrimediabilmente cambiata. Non porto più i tacchi alti come allora e il mio portamento è diverso: ma, la passione è quella di quando avevo 35 anni. Perchè Connie Mcknight? è una storia lunga che forse un giorno sarò pronta a raccontare.